Il Servizio di Educazione alla Salute

 Il Servizio di educazione alla salute promuove da anni percorsi ed iniziative che, in collaborazione con l’Assessorato provinciale alla Sanità e affari sociali, costruiscano modelli di intervento sinergico finalizzati alla crescita formativa non solo di alunni/e con evidenti segnali di disagio ma anche dell’intera comunità scolastica e di quanti gravitano all’interno di essa (famiglie – operatori ecc.). Incontri, confronti, tavoli di lavoro congiunti hanno portato alla definizione di un “Accordo di programma fra Scuole, Aziende sanitarie, Amministrazione provinciale, Comuni e Servizi sociali in materia di integrazione scolastica” sottoscritto in data 4.10.2004 dai rispettivi partner e reso esecutivo da specifiche deliberazioni della Giunta provinciale (18.11.2004). Da questo testo fondamentale sono scaturiti una serie di protocolli specifici, piani provinciali e convenzioni fra la scuola e i Distretti socio-sanitari o i Dipartimenti dell’Azienda sanitaria e dei Servizi sociali in materia di educazione alimentare, prevenzione del disagio e delle dipendenze o altro, che costituiscono la base normativa che garantisce la collaborazione costruttiva e lo scambio di informazioni e professionalità con competenze e ruoli diversi ma finalizzati al raggiungimento del medesimo obiettivo. Il Servizio di educazione alla salute ha quindi l’obiettivo di facilitare l’inserimento delle scuole nella rete dei servizi del territorio attraverso:

  • organizzazione e sostegno alla formazione dei docenti
  • elaborazione di linee guida che recepiscano le priorità indicate dall’OMS e dall’Assessorato provinciale alla Sanità in collaborazione con il MIUR
  • elaborazione e proposta di progetti-pilota in risposta alle esigenze/emergenze
  • consulenza alla progettazione autonoma delle scuole, nel quadro delle "Indicazioni provinciali per i curricoli"
  • monitoraggio e valutazione delle attività in educazione alla salute

Tali attività si svolgono attraverso:

  • rete dei docenti referenti formati in educazione alla salute presenti in ogni scuola
  • gruppi di progetto multiprofessionali coordinati dai docenti referenti e allargati allo psicologo dello sportello presente in ogni istituto, agli studenti e/o ad altri eventuali esperti)
  • operatori di vari servizi sia dell’Intendenza scolastica che di altre istituzioni provinciali e nazionali

Dall’intersecarsi e confluire di tali Istituzioni e professionalità sono nate alcune esperienze che il Servizio di educazione alla salute ritiene esempi di “buone pratiche di rete” e che sono già operative (e quindi validate) da alcuni anni nell’attività didattica delle scuole. Esse fanno parte integrante dei POF dei singoli istituti o rete di istituti e possono essere documentate e diffuse come materiale di approfondimento e riflessione. Referente:

  • Cristina Sartori

Tel. 0471 411370  -  Fax 0471 411469 - E-mail: Cristina Sartori